Archivi della categoria: Link

25 novembre Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne

vai all’articolo

In occasione del 25 novembre Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, il Comitato Unico di Garanzia IZSLER promuove il servizio pubblico del 1522,  numero gratuito sia da rete fissa che mobile e attivo 24 h su 24, che accoglie con operatrici specializzate le richieste di aiuto e sostegno delle vittime di violenza e stalking

IZSLER PER LA SCUOLA SUPERIORE, DISPONIBILITA’ DI TIROCINI 2022-2023

vai all’articolo

IZSLER PER LA SCUOLA SUPERIORE, DISPONIBILITA’ DI TIROCINI 2022-2023

L’istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia ed Emilia Romagna (IZSLER) anche quest’anno programma e rende nota un’offerta di tirocini curriculari per gli studenti degli Istituti d’Istruzione Superiore, nel rispetto delle norme previste e in base al protocollo aziendale anti-contagio.

I tirocini sono disponibili in periodi diversi (invernale ed estivo), in strutture della sede di Brescia e presso Sedi  territoriali della Lombardia e dell’Emilia Romagna. La frequenza ai laboratori permette agli studenti di conoscere la realtà lavorativa del laboratorio e le attività  di servizio che IZSLER svolge ogni giorno.

Tutti gli Istituti Scolastici Superiori, ad indirizzo scientifico, biologico, agrario o amministrativo, possono presentare domanda di tirocinio per il periodo che va dal mese di gennaio 2023 ai mesi estivi del prossimo anno, offrendo quindi ai propri studenti possibilità di effettuare tirocini curriculari, come da tabella allegata.

 

In particolare per i tirocini da inserire nei laboratori si richiedono cognizioni di base in biologia e in chimica.

I dettagli e le istruzioni per la domanda nel prospetto allegato

LE RICHIESTE VANNO PRESENTATE ENTRO IL 30 NOVEMBRE 2022

La scienza sul menu, podcast EFSA per rispondere alle domande dei cittadini

vai all’articolo

La scienza sul menu, podcast EFSA per rispondere alle domande dei cittadini

Con la serie “Science on the menu” l’EFSA entra far parte della famiglia di enti europei che utilizzano i podcast per coinvolgere i cittadini europei, come ad esempio l’Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA) con il podcast Safer Chemicals, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) con ECDC: On Air e la Commissione europea con il podcast Food for Europe, dedicato agli affari alimentari e agricoli.

Mangiare insetti è sicuro? Quante tazze di caffè posso bere al giorno? In che modo la scienza ci aiuta a migliorare il benessere degli animali? Sono queste solo alcune delle tante questioni che dibattiamo nella nostra nuova serie di podcast “Science on the menu” [La scienza sul menu].

Sedetevi alla nostra tavola per esplorare la scienza che sta alla base della valutazione dei rischi, dal produttore al consumatore finale. Vi attendono gustose conversazioni con gli scienziati che contribuiscono alla sicurezza degli alimenti nell’UE e scoperte inattese sul modo in cui ci rapportiamo col cibo.

Nel primo episodio, disponibile su varie piattaforme e sul sito web dell’EFSA, si parla delle principali preoccupazioni degli europei quando acquistano prodotti alimentari e di altre novità tratte dalla indagine EFSA  Eurobarometro 2022 sulla sicurezza alimentare nell’UE. Nelle puntate successive si tratterà invece delle malattie di origine alimentare, degli insetti come nuovi alimenti e del benessere degli animali durante il trasporto

Episode 1 – Food choices: beyond gut feelings | EFSA (europa.eu)

Spillover e Spillback, andata e ritorno dei patogeni dall’uomo agli animali

vai all’articolo

Spillover e Spillback, andata e ritorno dei patogeni dall’uomo agli animali

In questi anni abbiamo sentito parlare parecchio di spillover, che letteralmente identifica un “salto di specie” ma che più spesso viene inteso come passaggio di un patogeno dagli animali all’uomo. Tale meccanismo può essere alla base  di malattie nuove o emergenti o vere e proprie epidemie/pandemie, come nel caso dell’influenza e probabilmente del SARS_CoV-2.

Si parla meno frequentemente, ma non è meno importante in ottica One Health, del fenomeno dello  “spillback” che identifica il processo inverso ovvero il “salto” del patogeno dall’uomo agli animali, talvolta a specie molto diverse da quelle che erano serbatoio o ospite occasionale/spillover del patogeno stesso. Lo spillback può determinare la comparsa e la stabilizzazione di un patogeno negli animali in un territorio dove prima non era presente, ed  essere causa di malattia in specie animali che loro volta possono diventare fonte di infezione per l’uomo.

Il meccanismo è meno complicato di quanto sembra se pensiamo al virus del vaiolo della scimmia, (monkeypox) che è sempre stato localizzato in Africa e in poche altre regioni, nelle quali è passato dalla scimmia ed altre specie di roditori che fungevano da serbatoio all’uomo, avendo però ben poche occasioni di passare in altre specie animali, anche domestiche.

Tuttavia, da quando il monkeypox virus si è diffuso tra gli umani in nuove aree più densamente popolate, come gli Stati Uniti e l’Europa, è sorto il problema della possibile infezione anche di nuove specie animali “domestiche” a contatto con esseri umani infetti (cani, roditori, lagomorfi etc.) e quindi anche del potenziale passaggio nelle specie selvatiche.

La mancanza di controllo e monitoraggio dei fenomeni di spillback può essere facilmente causa della costituzione di nuovi serbatoi animali di virus e della persistenza della malattia nelle nuove aree “conquistate”.

Per questo l’Organizzazione Mondiale della Salute animale (WOAH) ha prodotto una linea guida per indirizzare a conoscere e limitare il rischio di spillback dall’uomo agli animali selvatici, ai pet e ad altri animali.

 

Mobilità sostenibile a Brescia, una dipendente IZSLER tra i premiati

vai all’articolo

Mobilità sostenibile a Brescia, una dipendente IZSLER tra i premiati

Nella Sala del Consiglio comunale di Palazzo Loggia, questo giovedì mattina, sono stati premiati i vincitori estratti tra i partecipanti all’iniziativa “Vieni al lavoro sostenibile”, alla presenza dell’assessore alle Politiche della Mobilità Federico Manzoni e del Mobility Manager Nadia Bresciani.
Il concorso, inserito nel palinsesto delle manifestazioni previste nel corso della Settimana Europea della Mobilità Sostenibile, ha registrato l’adesione di numerose realtà lavorative cittadine, per un totale di 44 aziende partecipanti.
Nell’edizione 2022 della Settimana Europea, che si è svolta dal 16 al 22 settembre scorsi, sono stati registrati 1.568 spostamenti sostenibili da parte dei dipendenti delle aziende partecipanti: 792 in bicicletta, 350 in metropolitana, 199 a piedi, 111 in autobus e 116 in treno.

Il concorso, inserito nel palinsesto delle manifestazioni previste nel corso della Settimana Europea della Mobilità Sostenibile, ha registrato l’adesione di numerose realtà lavorative cittadine, per un totale di 44 aziende partecipanti.
Per i partecipanti all’iniziativa sono stati messi in palio 14 premi, gentilmente offerti da A2A, Poliambulanza, Arriva Italia, Brescia Mobilità, Banca Valsabbina, CFP Zanardelli, Cembre e Brescia Musei, e consistenti in un viaggio per due persone, un check-up completo, un buono per l’acquisto di una bicicletta presso Decathlon, tre biciclette, tre borse contenenti utensili per il bricolage, un buono per acquisto prodotti da forno, due abbonamenti mensili alla rete del trasporto urbano e due Desiderio Card per i musei cittadini.

Tra premiati Marina Petissi del Servizio Formazione, Biblioteca, Comunicazione di IZSLER

 

News da Quibrescia.it

Rete Città Sane: un convegno per illustrare il progetto

vai all’articolo

Rete Città Sane: un convegno per illustrare il progetto

Lotta agli insetti vettori di malattie: strategie innovative e ruolo dei Comuni. Venerdì 18 novembre 2022, Sala “20 maggio 2012”.

Le malattie trasmesse da vettori, in particolare da zanzare, rappresentano un problema di sanità pubblica da fronteggiare predisponendo azioni incisive di prevenzione e controllo, supportando in  particolar modo i Comuni in prima linea nella gestione della disinfestazione.

In questo quadro si colloca il progetto “Definizione della strategia integrata di gestione dei vettori e sua applicazione nei Piani Comunali arbovirosi nella Rete Città Sane”, finanziato dal Ministero della Salute – Centro Nazionale per la prevenzione e il controllo delle malattie (CCM) e finalizzato al miglioramento della capacità di gestione, a livello regionale e locale, del rischio arbovirosi.

Il progetto ha coinvolto le Regioni Emilia-Romagna, Lazio, Veneto e Sardegna, l’Istituto Superiore  di Sanità, l’IZSLER e si è avvalso del supporto della Rete Italiana Città Sane – OMS per il suo ruolo nel favorire lo sviluppo di buone pratiche in tema di salute.

Il convegno racconterà due anni di lavoro.

Sono state realizzate attività innovative di lotta integrata e biologica alle zanzare in alcuni Comuni della Rete Città Sane. Sono stati raccolti dati sulla presenza, distribuzione e dinamica stagionale dei vettori, compresi i flebotomi generalmente meno studiati delle zanzare. Sono stati coinvolti direttamente i cittadini nella corretta gestione delle aree private.

Non sono mancati momenti formativi dedicati ai funzionari tecnici comunali impegnati nell’organizzazione e affidamento dei servizi di disinfestazione. In coerenza con la mission dei progetti finanziati dal Ministero della Salute-CCM, il convegno rappresenta l’occasione in cui dare evidenza e diffusione a strumenti e indicazioni tecniche che restano patrimonio di tutte le realtà territoriali italiane.

Il convegno (programma allegato) si rivolge a tecnici comunali e operatori del Servizio Sanitario nazionale e del Sistema Nazionale Protezione Ambientale.

Può essere di interesse anche per le imprese di disinfestazione e per tutti coloro che sono interessati ad approfondire il tema della sostenibilità nella prevenzione delle malattie da vettore e lotta alle zanzare.

IZSLER è presente anche su Facebook

vai all’articolo

IZSLER è presente anche su Facebook

L’Istituto ha scelto di utilizzare anche i social media per promuovere e far conoscere i servizi che vengono erogati all’utenza nell’ambito delle proprie attività istituzionali.

In questo modo si vuole favorire ulteriormente l’accesso ai servizi, promuovere conoscenze allargate e approfondite su temi di rilevante interesse pubblico e sociale, favorire processi di semplificazione delle procedure e di comunicazione delle attività amministrative.

Sono così stati attivati utenti istituzionali sulle seguenti piattaforme:

La diffusione che Facebook ha in tutte le fasce di età permetterà all’IZSLER di raggiungere i professionisti e i cittadini con le news in materia di One Health, gli eventi formativi, la ricerca, le pubblicazioni, e le nuove opportunità di servizio.

La pagina sarà anche arricchita con gli eventi più significativi e le tappe della storia di IZSLER.

E’ anche accessibile in forma di test il canale Telegram:izslerchannel

Lo scopo di tutti i social network utilizzati è quello di fornire servizi e stabilire contatti in modo agevole con i propri utenti e dipendenti, senza sostituire gli strumenti istituzionali per il rapporto con il pubblico (URP), che rimangono unici interlocutori e via di comunicazione ufficiale per entrare in contatto con IZSLER.

Il contatto con IZSLER tramite social media è pertanto sostanzialmente informale e funzionale ai servizi offerti di volta in volta.

I social network utilizzati forniscono notizie sui servizi delle strutture coinvolte o sull’intero Istituto mettendo a disposizione, in maniera rapida e di facile fruizione, contenuti di interesse per i cittadini, per i dipendenti e gli utenti di IZSLER sui temi riguardanti la salute pubblica veterinaria.

IZSLER prevede di condividere e rilanciare contenuti di terzi che ritiene utili per la propria utenza, verificandone per quanto possibile l’attendibilità, senza assumersi la responsabilità della veridicità, aggiornamento e precisione dei contenuti…(social media policy)

Master in Medicina Legale Forense per Veterinari a Bologna

vai all’articolo

Master in Medicina Legale Forense per Veterinari a Bologna

Presso l’Università di Bologna, da quest’anno accademico, è attivato un Master di II livello in Medicina Legale e Forense Veterinaria (Direttore: Prof. A.Peli)

L’iniziativa è rivolta esclusivamente ai Medici Veterinari iscritti all’Ordine e concretizza una opportunità di formazione di elevato livello in un ambito professionale che da un lato è di grandissima attualità e, dall’altro, richiede competenze aggiornate in diverse materie nel campo della medicina e del diritto.

Il master si avvale della collaborazione di ben 50 docenti che offrono una didattica di elevata specializzazione in ciascuna materia.

Al seguente link (https://master.unibo.it/medicina-legale-forense-veterinaria/it) si accede al sito web del Master dove si possono reperire le informazioni sulle modalità di ammissione e sul programma formativo.

Si allega la locandina di presentazione del corso.

L’utilizzo degli antibiotici negli allevamenti suini, giornata di formazione a Bologna

vai all’articolo

L’utilizzo degli antibiotici negli allevamenti suini, giornata di formazione a Bologna

La pubblicazione delle Linee guida per l’utilizzo degli antibiotici negli allevamenti suini recentemente pubblicata dalla Regione Emilia-Romagna si accompagna ad una giornata di formazione dal titolo “L’utilizzo degli antibiotici negli allevamenti suini: aggiornamenti su normativa e linee guida”.

L’obiettivo del corso è  presentare e discutere con medici veterinari pubblici e privati, Associazioni, allevatori e tecnici aziendali la revisione delle “Linee Guida sull’uso prudente dell’antibiotico nell’allevamento suino” alla luce dei nuovi Regolamenti comunitari sull’utilizzo del farmaco e dei mangimi medicati nonché condividere buone pratiche in relazione alle limitazioni di uso relative a profilassi e metafilassi.

La partecipazione al corso è gratuita.

Il corso si svolgerà in presenza presso l’Aula Magna della Regione Emilia-Romagna in V.le Aldo Moro n° 30, o in alternativa, a scelta del discente, in modalità webinar su Piattaforma zoom.

I partecipanti in modalità webinar, interessati ai crediti formativi ECM, dovranno garantire la presenza in WEB per l’intera durata del corso, compilare il questionario di valutazione a conclusione dell’evento direttamente sulla Piattaforma zoom e, in seguito alla comunicazione da parte della segreteria organizzativa, compilare il questionario di gradimento dell’evento sull’applicativo regionale della formazione GRU.

Le iscrizioni si effettuano sul sito regionale www.alimenti-salute.it alla voce formazione (al seguente link: https://www.alimenti-salute.it/questionario/iscrizione-corso-lutilizzo-antibiotici-allevamento-suino-aggiornamenti-su-normativa-e#overlay-context=questionario/iscrizione-corso-lutilizzo-antibiotici-allevamento-suino-aggiornamenti-su-normativa-e ), entro il 15/11/2022, specificando la modalità di partecipazione (in presenza o webinar).

In seguito all’iscrizione la segreteria organizzativa, via posta elettronica, fornirà le istruzioni per accedere al corso.

Data :17 novembre 2022

Sede del corso residenziale: BOLOGNA, Viale Aldo Moro, 30 – Aula Magna – piano Terra

In alternativa al corso residenziale: Webinar su piattaforma zoom (programma)

Dal monitoraggio costante la scoperta del nuovo virus del pipistrello in Lombardia

vai all’articolo

Dal monitoraggio costante la scoperta del nuovo virus del pipistrello in Lombardia

 La Regione Lombardia, dal 2012 si è dotata di un piano di Monitoraggio Sanitario della Fauna selvatica che si pone lo scopo di monitorare non solo un gruppo determinato di patologie e relative specie nelle quali ne è nota la possibile presenza, ma più in generale anche eventuali fenomeni di spillover (passaggio di virus) nella fauna selvatica.

Nell’ultimo ventennio infatti in Lombardia come in tutta Italia, si è assistito a un continuo ed esponenziale aumento delle popolazioni di animali selvatici, sia per consistenza numerica sia per distribuzione geografica, raggiungendo livelli tali da rappresentare un’entità non più trascurabile in termini di potenziali fattori di rischio sanitario per gli animali domestici e per l’uomo.

La diffusione degli animali selvatici e i conseguenti aumentati contatti con l’uomo esitano in un continuum epidemiologico tra animali selvatici, domestici e specie umana favorendo, tra le altre cose, la possibile diffusione e reciproca trasmissione di malattie comuni, nuove, emergenti o re-emergenti.

È infatti un dato da tempo assodato che le malattie trasmissibili all’uomo di origine animale (c.d. zoonosi) originate dalla fauna selvatica, possono rappresentare una minaccia per la salute umana e individuare tempestivamente la comparsa e contrastarne efficacemente la diffusione rappresenta una priorità per la salute pubblica.

Grazie alla preziosa rete di collaborazione garantita dal Piano di monitoraggio, sviluppato dalla UO Veterinaria della DG Welfare e che vede come attori anche l’IZSLER e i Centri di Recupero degli Animali Selvatici, è stato possibile identificare per la prima volta in Italia il virus Issyk-Kul (ISKV).

Allo stato attuale si sa ancora poco su questo virus, anche se è descritto come causa di possibili focolai di malattia nell’uomo caratterizzati da febbre, mal di testa, mialgia, e nausea con tempi di convalescenza anche di alcune settimane (Vedi Scheda Tecnico-Scientifica).

Il virus è stato isolato da un pipistrello appartenente ad una specie (Hypsugo savii) sedentaria e molto diffusa nelle aree urbane, che utilizza gli edifici come siti di rifugio suggerendo possibili implicazioni per la salute pubblica. L’isolamento è stato eseguito su un esemplare deceduto spontaneamente presso il CRAS WWF della Valpredina e analizzato presso l’IZSLER all’interno delle indagini di sorveglianza passiva sui pipistrelli previste dal Piano Fauna Selvatica di Regione Lombardia.

Ad oggi l’IZSLER ha registrato una sola positività e sono in coso ulteriori indagini volte a definire la diffusione, distribuzione ed ecologia di questo virus, che permetterà anche di acquisire informazioni utili a definire la prevalenza/incidenza di ISKV per meglio capire se esiste un eventuale rischio di trasmissione e diffusione agli animali e all’uomo.

Questa importante scoperta, resa possibile grazie al lavoro di coordinamento della DG Welfare dei diversi attori coinvolti nel Piano di monitoraggio sanitario della fauna selvatica, ivi inclusi l’IZSLER e i CRSA regionali, sottolinea come le attività di sorveglianza sanitaria degli animali selvatici siano un importante momento di conoscenza e di prevenzione di possibili comparsa di fenomeni di spillover anche nel territorio di Regione Lombardia.

L’attività di monitoraggio rientra nel quadro delle numerose attività dell’IZSLER nella cosiddetta One Health (Una Sola Salute).